Come verniciare una barca in legno

Una delle fasi principali del restauro di una barca in legno è sicuramente la verniciatura: grazie ad essa infatti, se eseguita con cura, la tua barca acquisisce maggior lucentezza per un appagante impatto estetico.

Nel seguente articolo ti offriamo una panoramica generale sull’arte della verniciatura. Noi consigliamo sempre di affidarsi ad artigiani esperti, che sanno esattamente dove e come mettere le mani sulla tua barca d’epoca, ma avere un’idea, seppur generale, di come avviene questo prodigio, ti può essere d’aiuto.

Come verniciare una barca in legno

Controllo del legno

Mai iniziare a verniciare la propria barca senza aver prima controllato adeguatamente il legno. Il che significa:

  • Controllare eventuali crepe e marcescenze causate dall’umidità (riconoscibili dal colore più scuro del legno), oppure la presenza di crostacei o piccoli molluschi che possono intaccare il legno, perforarlo e renderlo più debole;
  • Controllare spaccature e sfaldature del legno e intervenire prima della verniciatura, eliminando la possibile causa e restaurando la parte danneggiata.

Preparazione del legno

Una volta controllato che il legno sia in perfetto stato e, nel caso, sistemato eventuali danni, prima di procedere alla verniciatura, tratta e prepara debitamente il legno.

La preparazione prevede:

  • Pulizia dello scafo: utilizzando acqua a pressione e uno scrapper, pulire il legno da sabbia, alghe, molluschi ed eventuale presenza di sale fino all’ultimo granello. Una scarsa pulizia compromette anche la miglior verniciatura.
  • Correggi le imperfezioni: riempire qualsiasi crepa o abrasione evita di avere fori o imperfezioni nella verniciatura finale. Per chiudere le imperfezioni utilizza della resina epossidica.
  • Rimozione della vernice vecchia: Utilizzando carta vetrata (consigliamo carte a grana grossa, tra gli 80 e i 100), elimina tutte le mani di vernice precedenti e pulisci completamente la superficie. In questo modo renderai il legno più propenso ad accettare una nuova mano con uniformità e il nuovo strato farà più presa grazie alla superficie “a grip”.
    Fai attenzione a carteggiare sempre seguendo le venature. Questo perché carteggiare in senso trasversale causa segni nel legno che resteranno evidenti anche dopo la verniciatura.

Verniciatura dello scafo

Arriviamo ora alla verniciatura vera e propria. Il nostro legno ora è completamente trattato e pronto per essere verniciato. Assicurati però che le riparazioni effettuate siano completamente asciutte e rimuovi l’eventuale polvere accumulata con un panno umido.
Ricordati che il legno della tua barca dovrà resistere sia al sole che all’acqua, dolce o salata: se non utilizzi vernici sofisticate, corri il rischio di effettuare una verniciatura poco resistente e poco performante, causando sfaldature, inscurimenti e scolorimenti.
Noi usiamo infatti esclusivamente materiali vernicianti di alta qualità, come i prodotti Standox.

  • Applica 1 o 2 mani di primer: Il primer è importante in quanto assicura il legame tra la vernice e la superficie della barca, prevenendo screpolature e bolle e permettendo una stesura uniforme. Assicurati quindi di applicare un primer compatibile con la vernice scelta.
    Una volta che la prima mano si è asciugata, carteggia leggermente lo scafo (con una carta vetro da 300) e applica una seconda mano;
  • Verniciatura con rullo e pennello: Utilizza il rullo per la maggior parte del lavoro e serviti del pennello per rifinire i particolari. Una volta asciugata la prima mano, carteggia nuovamente la superficie con una carta vetro leggera, in modo da chiudere eventuali pori e rendere il prossimo strato più uniforme.
    Stendi quindi una seconda mano di vernice e una volta asciugata, controlla se è necessaria anche una terza mano.

Rispondi