Goditi la Dolce Vita sulle acque del Lago d’Iseo

Gli anni 60 sono stati per molti gli anni dei sogni e della spensieratezza, caratterizzata da quella particolare dolce vita che rendeva tutto più leggero. Sono anni che, al giorno d’oggi, possono sembrare alquanto lontani.
Difficile ora immaginarsi le emozioni che si potevano provare allora durante un giro nel centro cittadino a cavallo di una Vespa, o le tranquille passeggiate accompagnate dalla musica leggera dei cantautori italiani, e dal ritmo più incalzante della musica inglese.

Altra epoca, altri valori e una diversa genuinità del quotidiano: sono gli anni in cui la cultura pop prende il sopravvento e una nuova figura femminile si stacca totalmente dalla caratterizzazione formale degli anni 50 in favore di una maggiore e migliore libertà di espressione.

Il boom economico, la speranza verso il futuro e l’atmosfera che si respirava risultano essere oggi dei bellissimi ricordi per chi ha vissuto a pieno quegli anni, ed un qualcosa su cui fantasticare per chi, invece, li conosce solo per i racconti dei genitori.

Se ti dicessero però che esiste un luogo in cui è possibile gli anni 60 e la Dolce Vita?

anni 60 lago iseo

Se le regine della strada erano la Vespa e la Fiat 600, non c’è dubbio che nulla in acqua era paragonabile al Riva Aquarama. Il suo slogan Sole, mare, gioia di vivere! può valere ancora oggi e lasciarsi trasportare da un Riva Aquarama tra le onde del Lago d’Iseo, ti susciterà emozioni uniche e impareggiabili.

Da Bellini Nautica potrai noleggiare questo gioiello creato da Carlo Riva e, seguendo un itinerario preciso, scoprire i più incantevoli luoghi del nostro lago, raggiungibili solamente in barca.
Potrai rilassarsi sul prendisole e lasciarti cullare dalle acque del lago, chiudere gli occhi e immaginare di essere in una baia di Saint-Tropez in compagnia dei divi del cinema classico.

Il panorama del Lago d’Iseo saprà stimolare questa tua fantasia, con le loro acque azzurre e la vegetazione rigogliosa. I piccoli porti di Sarnico, Sale Marasino e dello stesso Iseo e i piccoli scorci della costa lacustre si tramuteranno magicamente in insenature e golfi della Costa Azzurra.

Capirai subito quando sarai nelle vicinanze di Sarnico, non appena noterai la Torre di San Paolo, conosciuta anche con il nome Torre dell’orologio, svettare oltre i tetti delle case. Non ti resterà quindi che ormeggiare al porto futuristico.

Cosa visitare a Sarnico?

Dopo aver attraccat, potrai passeggiare per le vie del paese e ammirare l’architettura quattrocentesta ancora intatta, come la chiesetta di San Paolo, costruita nel 1428 sulle rovine del Castello dei Marenzi. All’interno potrai ammirare affascinanti affreschi del ‘400.

Poco distante dalla chiesa, all’interno di Palazzo Gervasoni nel pieno centro storico di Sarnico, troverai la Pinacoteca Gianni Bellini. Non la citiamo per il cognome del collezionista, ma per le 150 opere, datate tra il 1500 e il 1700. Per gli amanti dell’arte è una collezione da non perdere: 128 dipinti, mobili d’epoca, statue in marmo e legno e quattro crocifissi “processionali”, uno in legno e tre in rame argentato.

Se sei invece un cultore dello stile liberty dovrai verrai sicuramente rapito dal fascino delle dimore di fine ottocento quali Villa Faccononi, Villa Surre e Villa Passeri.

Per rilassarti al sole potrai stenderti tra il verde del Lido Fontani o del Lido Nettuno, più grande e più frequentato grazie a bar, pizzerie e centri di sportivi che animano l’area.

Rispondi